P.I.P. - PIANO PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DI SAVOGNA D'ISONZO - PROCEDURA D'ESPROPRIO

LAVORI DI ALLARGAMENTO DI VIA STRADALTA - PROCEDURA D'ESPROPRIO

Istruzioni per lo svincolo dei depositi amministrativi inerenti le indennità espropriative ai sensi del D.P.R. 327/01

1)Istanza di restituzione in carta semplice (vedi modulistica) diretta al Ministero dell'Economia e delle Finanze - Ragioneria Territoriale dello Stato - Servizio Depositi Definitivi, completa di data, indirizzo, codice fiscale e copia di document odi riconoscimento e firma di tutti gli aventi diritto con l'indicazione delle modalità di pagamento prescelta.
2)Provvediemnto di svincolo del comune che ha emanato il decreto d'esproprio. (vedi modulistica per richiesta)
3a)

Solo per Persone Fisiche:

Certificato di destinazione urbanistica rilascaito dal comune, da cui risulti la zona omogenea ove ricadeva il terreno alla data dell'occupazione o del decreto di espropriazione al fine dell'apllicazione della ritenuta del 20% ai sensi dell'art. 11 della L 413/1991. Tale norma ha disposto la tassazione delle somme percepite a titolo d'indennità di esproprio solo per le persone fisiche. Esclusi i soggetti che esercitano imprese commerciali.

3b)

Solo per Persone Giuridiche:

Certificato della Camera di Commercio attestante il peino e libero esercizio dei propri diritti ovvero dichiarazione sostitutiva di atto notorio (D.P.R. 445/2000) da cui risulti che la società/azienda/impresa si trova nel piedo diritto e libero esercizio dei propri diritti e il/la stesso/a nell'ultimo quinquennio non è stato/a sottoposto/a ad alcuna procedura consorsuale, nè ve ne sono attualmente in atto.